Accompagniamo le famiglie nel percorso di valutazione, certificazione e consulenza scolastica da oltre 20 anni.

DI COSA SI OCCUPA IL CENTRO?

Closeup of hand holding pen and filling out questionary form on table

COSA SONO I DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO?

I Disturbi Specifici dell’ Apprendimento, conosciuti anche con l’acronimo DSA, raggruppano:

Tale categoria nosografica ha la sua caratteristica principale nella specificità: il disturbo interessa uno specifico dominio di abilità (lettura, scrittura e/o calcolo), in modo significativo, ma circoscritto, lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale. 

La prevalenza dei DSA tra gli ambiti scolastici di lettura, scrittura e calcolo è del 5-15% (DSM-V; American Psychiatric Association, 2013). E’ importante avviare un percorso diagnostico, a tutte le età, dopo aver osservato delle prestazioni atipiche. E’ utile sapere che i DSA si manifestano come ritardo e/o atipia del processo di apprendimento della lettura, scrittura e calcolo.

COSA OSSERVARE?

  • Scrittura: errori ricorrenti, che si presentano per lungo tempo e difficoltà ortografiche.
  • Lettura: difficoltà nella abilità di base con permanenza di una lettura sillabica, tendenza a perdere il segno, difficoltà nella comprensione del testo e organizzazione del metodo di studio.
  • Calcolo: difficoltà nelle componenti della cognizione numerica, nelle procedure esecutive o nel calcolo.

COSA FARE ?

LA SCUOLA

  • Favorire confronti tra docenti, con i referenti DSA,  e programmare le azioni didattiche con il team docenti di classe, interclasse;
  • Mantenere contatti continui con i genitori;
  • Comunicare ed interagire con i terapisti, con i servizi ASL o con le Equipe accreditate alla ASL per la Certificazione DSA;
  • Conoscere le tappe dell’apprendimento della letto-scrittura, del calcolo e saper condurre con perizia il lavoro fonologico e meta fonologico;
  • Elaborare il Piano Didattico Personalizzato – PDP;
  • In classe deve accogliere realmente la “diversità”, studiarla, comunicare serenamente con il bambino e dimostrargli comprensione;
  • Spiegare alla classe il senso della didattica personalizzata e individualizzata e che è rivolta a tutti e non solo agli alunni DSA;
  • Utilizzare le risorse dei compagni di classe assegnando al bambino/ragazzo DSA un tutor.

LA FAMIGLIA

  • Rivolgersi ai servizi ASL o con le Equipe accreditate alla ASL per la Certificazione DSA, se la scuola segnala difficoltà nei processi di lettura, scrittura e calcolo;
  • Partecipare alla stesura del Piano Didattico Personalizzato – PDP;
  • Confrontarsi costantemente con i docenti e il referente DSA per monitorare la ricaduta delle azioni didattiche sul bambino e/o ragazzo.
  • Supportare emotivamente il figlio dopo la diagnosi 
  • Trovare un Centro che si occupa di interventi sui DSA.
  • Trovare un Tutor dell’apprendimento per supportare il bambino e/o ragazzo nell’uso degli strumenti compensativi e nello sviluppo di un metodo di studio.

In pratica per aiutare il bambino e/o ragazzo con DSA si dovrebbe procedere con un insegnamento sistematico,  aiutandolo a ricercare strategie di compenso. E’ necessario adattare la didattica alle difficoltà di apprendimento del bambino e/o ragazzo con l’adozione di strategie compensative o dispensative.