Disortografia

La Disortografia, riguarda il nucleo della scrittura ed il processo deficitario è centrale e di natura linguistica (si manifesta in un deficit nei processi di cifratura). Il disortografico ha difficoltà a consolidare e controllare l’uso corretto delle convenzioni ortografiche e produce testi che presentano numerosi errori ortografici.

La Disortografia è un disordine di codifica del testo scritto, che viene fatto risalire a un deficit di funzionamento delle componenti centrali del processo di scrittura responsabili della transcodifica del linguaggio orale nel linguaggio scritto. Tali componenti cognitive
consentono di discriminare e analizzare i suoni del linguaggio, al fine
di associarli ai rispettivi grafemi, recuperando le corrette forme ortografiche.
Questo significa che il bambino disortografico non è semplicemente lo studente che non conosce le regole ortografiche: ha delle difficoltà processuali sottostanti (ad esempio, compie con fatica l’analisi della composizione fonologica delle parole e il passaggio dal codice fonemico a quello grafemico).

Il bambino disortografico, al primo anno della Scuola Primaria, scrive solo parole isolate con sostituzioni /omissioni di suoni, presenta difficoltà
nello spelling e nell’autodettatura della parola. Con il proseguire del percorso di scolarizzazione, egli amplierà il suo lessico scritto, mantenendo la presenza di un numero eccessivo di errori ortografici, rispetto a quanto atteso per l’età. 

Il bambino con Disortografia può commettere errori di tipo fonologico, non fonologico o fonetico. 

Gli errori fonologici riguardano una scorretta applicazione delle regole di conversione fonema-grafema: si possono verificare scambi di grafemi, omissioni o aggiunte di lettere o sillabe, e/o inversioni. Esempi di errori fonologici: “folpe” per “volpe”; “tavlo” per “tavolo”; “dinova” per “divano”. 

Gli errori non fonologici si riferiscono a una scorretta rappresentazione visiva delle parole: separazioni e fusioni illegali, scambi di grafemi omofoni (= che rappresentano lo stesso suono) e/o omissione o aggiunta dell’h quando identifica il verbo “avere”. Esempi di errori non fonologici: “luomo” per “l’uomo”; “in contro” per “incontro”; “squola” per “scuola”. 

Appartengono alla categoria degli errori fonetici le scorrettezze nell’uso degli accenti, e l’omissione o aggiunta di doppie. Esempi di errori fonetici: “pele” per “pelle”; “citta” per “città” 

Per la diagnosi, sono necessari test standardizzati che valutino le abilità di cifratura (dettato di liste di parole e di non parole, di brano e di frasi contenenti omofone non omografe) e le capacità grafomotorie (fluenza) nei parametri della correttezza ortografica. Oggi viene valutato con molta attenzione anche la capacità di descrizione e narrazione come elementi fondamentali dell’espressione scritta.

La riabilitazione della Disortografia si basa prevalentemente su trattamenti di impostazione metacognitiva, i cui risultati non permettono una completa generalizzazione della loro efficacia. 

BIBLIOGRAFIA
Blason, Borean, Bravar, Zoia, Il corsivo dalla A alla Z, Erickson, Trento 2004.
Cornoldi, Le difficoltà di apprendimento a scuola, Il Mulino, Bologna 1999.
Cornoldi (a cura di) Difficoltà e disturbi dell’apprendimento, Il Mulino, Bologna 2007.
Cornoldi, Friso, Giordano, Molin, Poli, Rigoni, Tressoldi, Abilità visuo-spaziali, Erickson, Trento 1997.
Coruzzi, Scrivere e leggere, Mondadori Scuola, Milano 2005.
De Beni, Cisotto, Carretti, Psicologia della lettura e della scrittura, Erickson, Trento 2001.
Ferraboschi, Meini, Recupero in ortografia, Erickson, Trento 2005.
Molin, Poli, Pronti per la prima. Analisi e attenzione visiva nelle prime fasi di apprendimento della lettura e della scrittura,GiuntiScuola, Firenze 2009.
Stella, Quando un bambino non riesce a leggere: cosa fare, come aiutarlo, Il Mulino, Bologna 2004.
Re, Cazzaniga, Pedron, Cornoldi, Io scrivo. Valutazione e potenziamento delle abilità di espressione scritta, GiuntiScuola, Firenze 2009.